amamelide 3

Amamelide - Approfondimento

Il Nocciolo della Strega che fa bene alla pelle

L’amamelide, conosciuta anche come Nocciolo della strega, è una pianta originaria delle regioni orientali degli Stati Uniti e del Canada. Le sostanze caratterizzanti dal punto di vista fitoterapico sono flavonoidi, fenoli, mucillagini, olio essenziale, tannini, acido gallico,che possiedono un’attività astringente venosa.

 Le proprietà cicatrizzanti del decotto di Hamamelis erano note ai nativi americani, che lo utilizzavano per curare le ferite e gli attribuivano anche uno straordinario potere magico al punto di considerarlo uno "strumento di lavoro" degli sciamani, durante le loro pratiche rituali e propiziatorie. La scoperta dell'amamelide in ambito scientifico è però relativamente recente. Infatti nel 1731 Mark Caterby citò la pianta nella sua opera Natural History of Carolina, Florida and the Bahamas Islandse la fece introdurre in Europa, perché diventasse una pianta ornamentale. Tuttavia la varietà Virginiana assunse col tempo sempre più importanza sotto l'aspetto terapeutico per le sue proprietà astringenti ed emostatiche, evidenziate dagli studi che risalgono agli inizi del '900, quando vennero individuati i tannini all'interno delle foglie e della corteccia. Il distillato ottenuto dalle foglie veniva utilizzato dai coloni europei contro le scottature del sole e le irritazioni oculari dopo lunga esposizione alla luce. In cosmetica è anche utilizzato per lozioni emollienti per la pelle secca, per preparare acque distillatecolliri,dopobarba lenitivitonici decongestionanti per la pelle delicata dei bambini, per le pelli con couperose, per lenire gli eritemi solari, per l'arrossamento della pelle del volto, in caso di acne, rosacea, e per creme contro la cellulite.