Estetispa_711_3

Conosciamoli meglio – La “tribù” di ComfortZone

La “tribù” di ComfortZone

Grazie!
lo so, solitamente i ringraziamenti arrivano in fondo, ma in questo caso sono doverosi da subito.

Ma … partiamo dall’inizio.
Ricevo una mail “siamo lieti di invitarla ad Assisi per partecipare all’Experience Tour di ComfortZone”. Parto, sono lieta di condividere questo momento importante con gli amici di ComfortZone, ed entrare a far parte della loro “tribù” anche solo per due giorni.
Assisi è sempre un emozione, la città della Pace, quale luogo migliore per condividere momenti di svago a momenti di intenso accrescimento professionale e personale! Tutto organizzato nel minimo dettaglio, dall’accoglienza al desk in hotel, alle visite guidate che hanno preceduto il giorno della Convention (lunedì 10 novembre).
Oltre 500 persone, moltissime arrivate da diverse parti d’Italia, e molti che, invece, hanno affrontato diverse ore di volo per essere presenti, chi dal Canada, dall’Asia e dall’Europa, a questo incontro così importante. Far parte di una “tribù” e non essere delle semplici “clienti” è motivo di orgoglio.
Tutte le Estetiste con le quali ho parlato, avevano una luce particolare negli occhi, a dire … “ci sono anche io, e faccio parte di questa grande famiglia”.

Questa sensazione di appartenenza, era tangibile, e sono certa che se ci fosse stato un “provocatore” che si fosse permesso di affermare cose negative, avrei probabilmente assistito ad una rivolta di massa in favore della “tribù” ComfortZone, e questo è bello, perché sta a significare che l’Azienda sa che ogni sua singola Cliente è Unica e riesce a farla sentire tale in ogni momento.
Oltre ai momenti di aggregazione e convivialità, la giornata clou è stata quella di lunedì 10 novembre.
Un programma fitto di incontri che si è tenuto nella splendida cornice del Teatro Lyrick dove il foyer è diventato il ricevimento di un elegante centro benessere, completo di ricostruzione di una stanza di trattamento, e dove in ogni angolo si respirava l’anima ComfortZone.
Chiuse le porte del teatro, tutti seduti, mi giro e mi rendo conto di quanti siamo … veramente tanti (oltre 500 persone). Iniziano i lavori, dopo il momento dedicato al benvenuto da parte del Presidente di ComfortZone, Davide Bollati, e del CEO Paolo Braguzzi, il primo intervento è stato del Prof. Alberto Peretti, che ci ha fatto comprendere l’importanza di dedicare più tempo ai nostri bisogni, a quanto sia vitale l’ascolto del nostro “Io”, di come San Francesco fosse un esteta, che trovava il bello in ogni piccola cosa. Citando in particolare "I fioretti di San Francesco", ha spiegato, quanto di bello ci sia nel “tocco”, esortandoci a tornare ad usare tutti i sensi per arrivare nuovamente a stupirsi e a provare meraviglia in ogni singola cosa che ci circonda. A farci comprendere quanto siamo costantemente “connessi” e quanto queste connessioni possono influenzare le mode, ci ha pensato la Dott.sa Serena Sala, docente IED, una figura esile come un giunco, ma tutta la sua forza si avverte dal tono della voce, ed è con parole estremamente semplici e con l’ausilio di un video finale (devo dire, particolarmente toccante e in alcuni frame anche inquietante), che ci ha esortato a comprendere l’importanza di ricollegarsi con il nostro IO profondo, ci ha detto che prima di sentire (e nel lavoro di estetista l’ascolto è parte fondamentale del rapporto con i clienti), si deve cercare di capire; che L’armonia è la ricerca dell’equilibrio, che la perfezione non è armonia poiché il nostro cervello (è dimostrato) registra meglio le imperfezioni. Che per vivere bene con se stessi e poter donare il meglio di noi agli altri, bisogna imparare ad accendere e spegnere tutte le connessioni (e non si parla solo di strumenti tecnologici) che ci condizionano nel nostro essere.
Abbiamo letto sopra, come l’armonia è la ricerca dell’equilibrio. Ed è proprio quello che abbiamo avuto il piacere (io oserei dire anche l’onore) di vedere assistendo ad un momento di pura “poesia” che ci ha donato Miyoko Shida Rigolo.Vi è mai capitato di assistere a qualcosa (perché non le definirei uno spettacolo) che ti fa letteralmente trattenere il fiato … ecco. Lei (Miyoko) ci ha fatto rallentare la respirazione e provare quanta pace e quanto di bello c’è nella ricerca dell’equilibrio. Una piuma sospesa che, con la sua interpretazione del Sanddorn Balance, è riuscita a toccarci nel profondo. Inutile dire che tutto il teatro era in “mistico silenzio”, che si è sciolto in un applauso fragoroso, quando al termine di questa performance, Miyoko, togliendo una piuma, ci ha dimostrato quanto poco basta a rompere un fragile equilibrio.
Per non rompere la “poesia” di questo momento, dovrei fermarmi, ma la parte del programma che è seguita è altrettanto coinvolgente. Siamo entrati a piè pari nel mondo delle SPA e sul palco, c’erano Ospiti Internazionali e non solo, introdotti da Barbara Gavazzoli e Davide Manzoni, sono intervenuti: Amanda Teng, SPA Manager; che per la catena Hilton, gestisce attualmente 50 SPA in Cina e Mongolia e che nei prossimo 5 anni si appresta a seguire la realizzazione di altre 200 realtà, lei ci ha introdotto quelle che sono attualmente le tendenze di questi due Paesi in termini di trattamenti richiesti che sono orientati verso il Medicale con l’ausilio di apparecchi tecnologici; mentre il Signor Awni Abu-ulba(Presidente di SPA Utopia & Salon, detto, per l’occasione simpaticamente “signor EUTOPIA”) arrivato dal Canada, ci ha reso partecipi del suo successo in termini numerici, le sue 3 SPA ospitano ca. 60000 clienti l’anno per un totale di oltre 100.000 trattamenti erogati (non male vero?), la sua grande “famiglia” lavorativamente parlando, si compone di 300 operatori con un turnover abbastanza contenuto.
Il Signor “Utopia” alla domanda “qual’è il segreto del suo successo?” ha confermato che è la Formazione del personale, e di quanto sia importante che ogni singolo elemento dello staff si senta, e sia, parte di integrante di un insieme. Ci ha testimoniato che uno staff soddisfatto del proprio lavoro, è altrettanto soddisfatto del successo ottenuto dall’attività all’interno della quale opera, e che questa soddisfazione fa da stimolo a fare sempre meglio. Anche in quella che, per il nostro mercato italiano è una “nota dolente”, come ci ha confermato il Dottor Nicola Fortunati (Direttore Sanitario, del nostro premiato, Fonteverde Resort) e cioè, la Vendita dei Prodotti retail, abbiamo ascoltato pareri e risultati diversi, infatti, se per Utopia SPA (Vancouver, Canada) la percentuale di vendita di prodotto retail sul fatturato dei trattamenti fatti è pari al 15% e diventa del 25% fatto dal reparto di estetica, per Fonteverde è solo del 2-3%, si comprende, quindi, come in Italia si debba fare di più per la formazione del personale alla vendita.
Tanto sta facendo in tal senso Davide Manzoni (Direttore vendite Italia ComfortZone) con i suoi corsi specifici improntanti alla vendita, opportunità di formazione che viene data a tutti i clienti ComfortZone (ndr). Interessante la conferma di quanto il web, e i suoi strumenti di comunicazione, siano utilizzati e siano importanti per la promozione delle varie attività: “in Asia - dice la Signora Teng- internet è utilizzato dai nostri incaricati per promuovere i trattamenti, il signor Awni Abu-ulba usa i Social per controllare anche la soddisfazione dei clienti e lo riescono a fare in diretta, controllando i Twitter che partono dall’interno delle SPA.
Insomma un interessantissimo momento di scambio formativo internazionale. Il Presidente di ComfortZone, Davide Bollati ha introdotto, con un video, il trascorso e i cambiamenti che il Brand ha subito negli anni, dalla sua fondazione fino ad arrivare all’oggi che conosciamo e che è Skin Regimen “uno sguardo al passato per vivere il presente, con l’occhio rivolto verso il futuro”, e le novità in casa ComfortZone, non mancheranno.
Gli ultimi due interventi sono stati quello di Claudia Aguirre (neuroscienziata e skin specialist) che ha spiegato quanto la mente possa influenzare ed incidere, in modo positivo o negativo, sulle nostre funzioni vitali e sulla pelle; ed infine, il Dottor Massimo Gualerzi,cardiologo e autore del libro Skin Regimen, il suo intervento si è focalizzato sull’importanza dello stile di vita, della sana alimentazione e della salute, che ovviamente, si riflette sulla nostra pelle.
Che dire ... esprimere a parole quanto di interessante e di bello abbiamo ascoltato e visto, non è cosa semplice.
Mi piacerebbe potervi descrivere la commozione e le lacrimucce, di vostre colleghe nel momento in cui sono state chiamate a ricevere un riconoscimento per i tanti anni di lavoro vissuti con ComfortZone al proprio fianco.
E il grande entusiasmo da parte delle platea nel momento in cui le singole estetiste venivano chiamate sul palco.
Entusiasmo che ha accompagnato anche lo staff di ComfortZone al completo per la professionalità e la gioia con la quale lavorano quotidianamente e hanno lavorato a questo nuovo entusiasmante Experience Tour Assisi 2014. Da parte mia … ho preso parte con gioia alla “vita” di questa grande “tribù” della quale ho avuto il piacere di far parte. Grazie! E un arrivederci a tutte le splendide persone con le quali ho condiviso questi due giorni.

M.Paola Angeletti