Cosa accade alla nostra pelle quando fa freddo e come potete aiutare le vostre clienti!

Cosa accade alla nostra pelle quando fa freddo e come potete aiutare le vostre clienti!

Ciao Ragazze e buon 2018 a tutte!

Siamo tornati e il primo post lo dedichiamo al freddo e agli effetti che ha sulla nostra pelle. Basta guardare un tg in questi giorni per capire che il freddo al nord la fa da padrona e quindi è bene fare un ripassino per saper dare i giusti consigli alle nostre clienti e... a noi stesse ;) 

Le temperature rigide, ma anche il vento, gli sbalzi improvvisi, smog e inquinamento che ormai non ci abbandonano più... in inverno, sono i primi nemici purtroppo favoriscono la comparsa di problemi come secchezza e arrossamenti. La nostra pelle, esposta tutte queste aggressioni, rischia anche di invecchiare precocemente, di perdere tono, elasticità e luminosità.
Viso e mani sono le zone principali che vengono aggredite dal freddo che fa restringere i vasi sanguigni provocando una minore ossigenazione dei tessuti. Il ricambio cellulare rallenta, la superficie cutanea si screpola con facilità e diventa opaca. Si altera il film idrolipidico in superficie in quanto, alle classiche temperature invernali, si raffredda e perde elasticità: in alcuni punti come gli angoli della bocca, i lati del naso e le mani), si assottiglia, la pelle si disidrata e si formano piccoli taglietti. I rossori invece sono tipici degli sbalzi di temperatura in quanto, al freddo i capillari si restringono, passando poi al caldo (magari di casa o di un negozio) si trovano a dilatarsi di colpo e questo li indebolisce. Ciò fa arrossire la pelle e nel peggiore dei casi, si vengono acreare coome delle ragnatele di venuzze. Il vento disidrata mentre l'inquinamento che si deposita sulla pelle, occlude i pori e impedisce alla pelle di respirare. 


Il primo consiglio per le vostre clienti e per tutte noi è di proteggere le parti più vulnerabili come viso e mani.

 

Il secondo ma molto importante è idratare la pelle con creme idratanti ed emollienti, meglio se applicate sulla pelle umida. 
Consigliate creme più “consistenti” rispetto a quelle abitualmente utilizzate. Il principio attivo più nuovo è rappresentato dalla Fospidina un composto di fosfolipidi (estratti dalla soia) e glucosarnina (ricavata dal guscio dei crostacei), che rinforza le cellule della pelle e favorisce la formazione di nuovo acido ialuronico. Ottimi anche oli e burri vegetali, ricchi di acidi grassi essenziali, glicerina, acido ialuronico e allantoina, che servono a creare una riserva di sostanze nutritive della pelle e le restituiscono compattezza. Principi attivi emollienti e addolcenti, come le vitamine del gruppo miele, gli estratti di fiori delicati, come la malva e la calendula, e sostanze antirritanti e antirossori, come l’argilla bianca, gli estratti di gorgonia, rusco e orzo, l’acido glicirretico e l’alfabisabololo ricavati rispettivamente dalla liquirizia e dalla camomilla invece aiutano a lenire rossori. 

Consigliate anche di evitare i saponi per la pulizia del viso in quanto sgrassano troppo. Sono da preferirsi i latti detergenti... e non dimenticatevi dei filtri solari. In questa stagione la fanno da padrona i raggi UVA quindi consigliare una crema che contenga filtri UV almeno ad un fattore 10 è da buone professioniste ;)

Altra dritta: aumentare il consumo di frutta e verdura in quanto sono ricche di vitamine e minerali. Ad esempio la vitamina C è utile per aumentare l’elasticità dei vasi capillari, e troviamo  negli agrumi, nel kiwi, nei mirtilli, nel peperone e nei vegetali a foglia verde.  La vitamina A invece aiuta il ricambio cellulare rendendo la pelle più compatta. E' contenuta soprattutto nel latte, nei suoi derivati e nelle uova. Una buona abitudine per la nostra generale idratazione, quindi anche della pelle, è bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Sempre in borsa almeno un burrocacao per lenire le labbra, sopratutto per chi, come me, non usa il rossetto!

Volete una chicca da dispensare alle vostre clienti mentre fissate il prossimo appuntamento? Consigliate loro di bagnare due fette di pane e di applicarlo sulle guance almeno per 10 minuti prima di andare a letto la sera. Va poi risciacquato ;)  Il pane rilascia molto amido che ha proprietà lenitive


Va bene anche così =)

 

Spero di esservi stata utile.

La Vostra Valentina