Da estetista a Beauty

Da estetista a Beauty

Il termine Beauty ultimamente viene utilizzato per definire diverse figure professionali nel nostro universo “estetico”. Quella che preferisco, è di utilizzarlo per definire l’estetista che lavora in una Spa.

La nostra clientela è sempre più esigente, preparata, si informa, guarda ed molto attenta e determinata, sa quello che vuole e lo pretende.

L’intera organizzazione del centro estetico  deve essere rivolta all’attenzione della cliente, la formazione dei collaboratori, l’allestimento delle cabine, l’atmosfera, i profumi, il calore dei prodotti, degli asciugamani, del lettino.

Sono tutti dettagli da non trascurare, anzi da sottolineare sempre più per distinguervi, per fidelizzare la clientela, che avrà bisogno di voi per rilassarsi, ricaricarsi e sentirsi in pace con  il mondo.

Possono sembrare concetti esagerati, ma credete che i dettagli descritti hanno lo stesso valore delle linee cosmetiche, della qualità dei brand che sceglierete per i vostri trattamenti.

Il concetto e’: la massima qualità con il massimo dello stile. Puntate in alto, non svendetevi, valorizzatevi e  non finite mai di formarvi e di studiare.

Pensiamo di dover eseguire un trattamento viso e di volerlo fare nello “stile Spa”

Il  trattamento viso avrà una durata di 50/60 minuti, la cabina dovrà essere stata preparata con cura, creme e prodotti possibilmente in ciotole etniche e l’olio da massaggio caldo che servirà per iniziare il trattamento con un massaggio rilassante alla schiena.

La cliente si accomoderà prona sul lettino ed inizieremo con manualità rilassanti, trazioni muscolari, pressioni sulle spalle e sui trapezi.

Il massaggio avrà una durata di circa dieci minuti quindi faremo girare la cliente in posizione supina ed inizieremo il trattamento viso  seguendo i protocolli che abbiamo in uso in istituto.

I trattamenti viso sono davvero tanti e dai protocolli più svariati, quello che può davvero fare la differenza è il massaggio che offrirete alla cliente,  dopo aver deterso, esfoliato e tonificato il viso, sceglieremo una crema, o meglio un siero, idoneo alla pelle della cliente ed eseguiremo un massaggio specifico che diventerà il cuore del trattamento.

Se la cliente si presenta stanca, occhi appesantiti e borse, l’ideale sarà un  massaggio emolinfatico che andrà a smuovere i liquidi di ristagno che sono fermi nei tessuti, stimolando così il rinnovamento dei liquidi ed una rigenerazione tissutale.

   La maschera che andremo a scegliere potrà essere un prodotto a base di alghe, come quelli proposti da Repechage, leader mondiale nella cosmetica con principi attivi estratti da alghe di mare.

      Asportata la maschera andremo ad applicare la crema specifica abbinata e termineremo  con un massaggio, eseguito sempre con olio caldo, che coinvolgerà  collo, spalle e trapezio.

Prodotti delle immagini: Se volete maggiori informazioni, potete contattare Euracom, distributrice in Italia dei prodotti Repechage qui telefono 02 502970     mail info@euracom.it

 Oppure potete partecipare alla III Conferenza Nazionale Repechage, accreditandovi qui  via mail: info@repechage.it o via fax al n. 0258019698.

Nei prossimi appuntamenti approfondiremo il concetto “l’istituto dell’estetista diventa una Spa”, seguiteci ,le informazioni saranno preziose e molto utili per il vostro lavoro.

Annalisa Piccini

    mailto:a.piccini@estetispa.it