estetispa_862_patrizia_gilardino_web

Estetica Medicale - Intralipoterapia

Bellezza, contro pancetta e accumuli di grasso

ecco il trattamento che rimodella il corpo dall’interno

La intralipoterapia è specifica per combattere l’adipe localizzato nel girovita e sui fianchi. «Efficace anche per snellire le braccia e affinare le cosce», spiega il chirurgo plastico Patrizia Gilardino

 Addome, interno coscia, fianchi e persino doppio mento. Sono le zone dove si formano concentrazioni di grasso difficili da eliminare, anche con dieta ed esercizio fisico. La risposta arriva dall’intralipoterapia, un trattamento specifico per combattere il grasso localizzato. «È una tecnica che si basa sull’utilizzo di aqualyx, il primo iniettabile al mondo autorizzato come dispositivo medico per il trattamento non chirurgico delle adiposità localizzate. Agisce dall’interno, intervenendo direttamente sulle cellule adipose, eliminandole», spiega Patrizia Gilardino, chirurgo plastico di Milano. «In poche sedute è possibile restituire armonia al proprio corpo, andando ad agire in modo puntale e senza correre il rischio di effetti collaterali».

Questo trattamento è indicato nei casi di accumuli di grasso, ossia adiposità persistenti che tendono a non scomparire anche con una dieta corretta ed equilibrata e attività fisica. «Spesso le cause dell’adipe localizzato sono da ricondurre a fattori genetici, che portano a un maggior numero di cellule adipose disposte in zone particolari. Nonostante l’attività muscolare faciliti il dimagrimento, possono rimanere delle zone adipose - quelle che comunemente chiamiamo cuscinetti di grasso - che sono più difficili da eliminare. Solitamente questi depositi sono localizzati nelle anche e nelle natiche, nella zona addominale, nel collo o nelle braccia» spiega Gilardino.

L’intralipoterapia è un trattamento che prevede l’iniezione del farmaco specifico attraverso un apposito ago. «La sostanza va a colpire direttamente la parte adiposa provocando lo scioglimento del grasso - tecnicamente si parla di lisi delle cellule adipose. Il grasso così sciolto viene riassorbito nel tempo dall’organismo. Con questa tecnica si ottiene una diffusione molto omogenea in una zona relativamente estesa, evitando così inestetismi dettati dalla lisi delle cellule adipose e riducendo al minimo il trauma. In questo modo il trattamento richiede pochissimi punti di accesso». L’unico accorgimento, precisa la dottoressa, «è nella mano di chi pratica questo trattamento: è necessario affidarsi a medici esperti».

Gli effetti collaterali sono ridotti al minimo. «È possibile avere un leggero senso di bruciore nella zona trattata e riscontrare una leggera ecchimosi: situazioni che vanno a risolversi nell’arco di pochi giorni». Aggiunge Gilardino: «Per migliorare l’effetto dell’intralipoterapia è consigliabile, come post trattamento, sottoporsi a trattamenti di drenaggio e di massaggio, magari facendo ricorso all’icoone o al triactive che permettono di avere un effetto ancora più omogeneo. Questo però deve avvenire a distanza di qualche settimana dal trattamento; anche perché questa tecnica innovativa non richiede trattamenti ravvicinati, anzi, a seconda della tipologia della zona trattata, è possibile sottoporsi alle sedute successiva anche a distanza di un paio di mesi».

Questo processo permette di rimodellare il corpo, snellire le braccia e affinare i fianchi. «Si tratta però di un trattamento che non sostituisce la più tradizionale chirurgia: in casi di concentrazioni adipose importanti, è sempre consigliabile l’intervento di liposuzione».

Il costo di una seduta parte da circa 200 euro.

 

Patrizia Gilardino - profilo professionale. Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università degli Studi di Milano nel 1988, Patrizia Gilardino si è specializzata nella Scuola di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell'Università degli Studi di Milano nel 1993. Iscritta all'Ordine dei Medici di Milano dal 1989, ha lavorato fino al 2003 all'Unità Funzionale di Chirurgia Plastica dell'Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. Esercita la libera professione al Poliambulatorio della Guardia di Finanza di Milano, al Centro Dermatologico Europeo, nel proprio studio di via Colonna a Milano e nello studio di via Colombo 44 a Piacenza. È membro della Società di verifica e controllo di qualità e della Società americana di chirurgia plastica. È socio Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica) ed è iscritta all’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) www.gilardinochirurgiaestetica.eu.