la pelle normale non esiste

LA PELLE NORMALE NON ESISTE

Dal punto di vista dermatologico si definisce una pelle “normale” quando dal punto di vista estetico è in condizioni ottimali, no pori dilatati, no eccesso di sebo, no zone con pelle secca o arida. Una pelle dall’aspetto luminoso, tonico e con una struttura ben idratata ed elastica.

pelle normale estetispa

Quante di voi diranno: “eh! Magari!”, infatti magari trovassimo un tipo di pelle con queste caratteristiche dopo…i dodici anni!

La pelle normale, quella che non ha bisogno di nulla per mantenersi in salute, quella che nel suo metabolismo ha tutti gli strumenti per mantenersi tale, è quella dei bambini e delle persone molto giovani.

Fino a quando non inizia la pubertà, e cioè fino a quando l’organismo non subisce l’irruenza delle tempeste ormonali, fino a quando il ciclo dell’epidermide, il nutrimento del derma e tutti i sistemi metabolici che fanno si che in 28 giorni la pelle si rigeneri completamente, non si alterano, la nostra pelle è quello che si definisce NORMALE.

Appena inizia la pubertà, come abbiamo detto, il nostro organismo ed i sistemi metabolici, vengono governati dagli ormoni: gli estrogeni femminili che frenano l’attività delle ghiandole sebacee e tendono ad assottigliare l’epidermide, ed il testosterone, principale ormone maschile, che funziona esattamente al contrario, quindi sia per gli uomini che per le donne, iniziano i cambiamenti ed a ciascuno il suo “inestetismo”.

Oltre agli ormoni, tutto quello che facciamo, che mangiamo e che beviamo influisce sulla salute della nostra pelle, se ci alimentiamo in modo corretto, mangiamo frutta e verdura a sufficienza e beviamo acqua durante la giornata (almeno 1.5 litri), la pelle apparirà luminosa e morbida.

Le cattive abitudini, oltre allo scorrere del tempo, sono fattori che influiscono negativamente sull’aspetto della pelle e la fanno invecchiare, a volte, precocemente.

detersione estetispa

E’ comunque importante sapere che la pelle che definiamo normale è il metodo di paragone per contrastare tutti gli inestetismi che si possono presentare sull’epidermide, e che arrivano fino al derma.

Conoscere i vari tipi di pelle e confrontarli con i canoni “normali” ci aiuta a capire quello che dobbiamo, e anche quello che NON  dobbiamo fare per prenderci cura della nostra pelle.

Sane e buone abitudini, la beauty routine (come si definisce adesso) quotidiana, volte al miglioramento ed alla correzione di quelle che sono le carenze o gli eccessi che si presentano sul viso.

Pelle grassa, troppo sebo, pelle secca, troppo poca acqua nei tessuti o pochi nutrienti e fondamentali per le pelli un po’ più adulte…

Quello che è certo e di cui si sta prendendo coscienza in questi ultimi anni, è che fin da piccoli è bene abituare i ragazzini ad aver cura della propria pelle, per preservarla, perché prevenire è meglio che curare, perché ci sono processi di invecchiamento precoce che possono essere rallentati tantissimo, con delle sane abitudini.

Uno per tutti ad esempio è l’esposizione al sole, limitarla nelle ore più calde, aver sempre cura di indossare una buona protezione e non dimenticare mai il doposole. I danni da esposizione agli UV sono tra i maggiori responsabili della produzione di radicali liberi, che come ricordiamo, portano ad una vera e propria “degenerazione” del tessuto.

La routine delle buone abitudini inizia dalla detersione con un buon latte detergente, tonico (indispensabile soprattutto dopo l’esfoliazione) crema da giorno e crema per la notte un po’ più ricca.

Non iniziamo mai a truccarci senza aver applicato una buona crema idratante, oltre a proteggere la pelle, il trucco risulterà più bello e morbido, proprio perché applicato su di una pelle tonica e nutrita.

Non eccediamo con l’applicazione di principi attivi forti, non cerchiamo a vent’anni l’antirughe idoneo alla donna di 40/45 anni, l’unico risultato che otterremo sarà una pelle stressata che chiederà sempre di più, e che invecchierà più precocemente. Ad ognuno il suo, fatto bene, occhio all’inci, sempre, e …buone abitudini a tutti. ;)

Annalisa Piccini

    mailto: a.piccini@estetispa.it